Oggi è venerdì 14 agosto 2020, 5:01

Climi costieri: da Gaeta a Piombino

Curiosità e approfondimenti
Avatar utente
 
Messaggi: 4809
Iscritto il: martedì 23 settembre 2014, 10:09
Sesso: M
Luogo: Roma (San Giovanni); Soriano nel Cimino, Loc. La Macchieta
Quota: 50/454 m s.l.m.

Climi costieri: da Gaeta a Piombino

Messaggio da Olim » mercoledì 2 settembre 2015, 7:39

Altra discussione che da tempo volevo aprire è un confronto tra i diversi climi costieri delle nostre zone ampliando molto l'orizzonte a sud e a nord: da Gaeta a Piombino. Si tratta di una fascia enorme con fortissima varietà climatica.
Mi piacerebbe discutere più che di singoli microclimi di località specifiche, di differenze più macroscopiche per aree. Le coste tirreniche centrali presentano una varietà climatica molto spiccata forse ben più forte di quella delle coste adriatiche.
Piano piano chiunque voglia può inserire considerazioni sulle caratteristiche dei climi costieri di questa ampia area.
Lorenzo Dorato, alias Olim
Stagionofilo puro con preferenza viscerale per l'inverno, il freddo e la neve. Amante di ogni fenomeno, dalla pioggia copiosa al caldo intenso, dalla limpida tramontana alla nebbia novembrina, dai temporali al vento burrascoso.

 
Messaggi: 6633
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 15:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340/80 m s.l.m.

Re: Climi costieri: da Gaeta a Piombino

Messaggio da Ghiaccio96 » giovedì 31 dicembre 2015, 1:02

Questa povera discussione non ha avuto il minimo successo :mrgreen: ecco come suddividerei il clima costiero di Lazio e Toscana centro-meridionale
Costa pontina: una strage,non è nevicato neanche nel 2012,dopo aver saputo una cosa del genere l'ho etichettata come penosa
Costa romana: un po meglio,soprattutto perché a nord del Tevere il clima comincia ad assomigliare più al nostro che a quello del basso Lazio...
Costa viterbese: sicuramente migliore delle due precedenti,sembrerà strano dire che Tarquinia è migliore di Gaeta ma è così,sono abbastanza convinto. In quanto il viterbese vede nevicate collinari più frequenti anche le pianure sono più portate ad avere buone invernate. Montalto forse meglio ancora, non a caso le stesse zone interne collinari tra Tuscia e grossetano vedono più neve che dalle mie parti,dunque credo anche le rispettive coste.
Costa grossetana: fino all'argentario dunque bene,mi piace anche come zona climaticamente parlando quella grossetana al confino con la Tuscia,beccano sempre forti piogge in caso di fronti temporaleschi che siano estivi o invernali (il culmine nell'alluvione del 2014 ma notevoli anche i 140 mm a fine luglio che hanno fatto esondare il fiora),e tornando in termini di nevicate le zone collinari sfruttano tutte le occasioni e come dimenticare che nel 2012 Orbetello ha fatto 40 cm... Ho visto un'immagine satellitare davvero eloquente... Poi più a nord dove inizia la sterminata maremma anche nelle zone più interne del grossetano la situazione peggiora drasticamente. Quantomeno però rispetto alle coste del basso Lazio becca molte freddate. Situazione tragica fin quasi sull'alta Toscana. Ora non ho presente Piombino in che provincia sta...
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

Avatar utente
 
Messaggi: 4809
Iscritto il: martedì 23 settembre 2014, 10:09
Sesso: M
Luogo: Roma (San Giovanni); Soriano nel Cimino, Loc. La Macchieta
Quota: 50/454 m s.l.m.

Re: Climi costieri: da Gaeta a Piombino

Messaggio da Olim » giovedì 31 dicembre 2015, 2:23

Grande Ghiaccio che hai risollevato le sorti di questa povera discussione abbandonata!! Poi mi leggo con calma quanto hai scritto


;)
Lorenzo Dorato, alias Olim
Stagionofilo puro con preferenza viscerale per l'inverno, il freddo e la neve. Amante di ogni fenomeno, dalla pioggia copiosa al caldo intenso, dalla limpida tramontana alla nebbia novembrina, dai temporali al vento burrascoso.

Avatar utente
 
Messaggi: 4809
Iscritto il: martedì 23 settembre 2014, 10:09
Sesso: M
Luogo: Roma (San Giovanni); Soriano nel Cimino, Loc. La Macchieta
Quota: 50/454 m s.l.m.

Re: Climi costieri: da Gaeta a Piombino

Messaggio da Olim » mercoledì 6 gennaio 2016, 7:57

Ecco ora ho letto le tue considerazioni sulle coste.
Secondo me in fondo in fondo la parte migliore delle coste come dinamicità sono proprie le coste del romano più prossime a Roma (Ostia-Fiumicino-Fregene- Ladispoli). La ragione sta in una minore ombra corsa (di cui soffre invece l'area costiera viterbese). Quindi più precipitazioni, più fenomeni temporaleschi nel periodo autunnale con i marittimi.
In quanto a neve invece il fattore latitudinale conta. Più si va a nord più la pur bassissima media nivometrica tende ad aumentare un pochino. Tuttavia abbiamo pochissime certezze al riguardo a causa della mancanza di dati.
Poi vi sono situazioni microclimatiche particolarmente "miti" come l'ormai celebre Santa Marinella, il paradiso climatico di Sottozero :D
Lorenzo Dorato, alias Olim
Stagionofilo puro con preferenza viscerale per l'inverno, il freddo e la neve. Amante di ogni fenomeno, dalla pioggia copiosa al caldo intenso, dalla limpida tramontana alla nebbia novembrina, dai temporali al vento burrascoso.

 
Messaggi: 6633
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 15:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340/80 m s.l.m.

Re: Climi costieri: da Gaeta a Piombino

Messaggio da Ghiaccio96 » mercoledì 6 gennaio 2016, 15:30

Nonostante tutto negli ultimi tempi è nevicato di più a Santa Marinella che che sulle coste di Latina. Per esempio febbraio 2012 o 17 dicembre 2010 (su parte del litorale di Latina,quello più vicino alla Campania dunque Gaeta credo,non è nevicato). Per precipitazioni acquose vabbè,non c'è storia...
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

 
Messaggi: 62
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 20:34
Sesso: M
Luogo: Cancun, avenida nichupte / Ronciglione, via San Francesco d'Assisi
Quota: 6 m / 460 m s.l.m.

Re: Climi costieri: da Gaeta a Piombino

Messaggio da tumexi » sabato 16 gennaio 2016, 17:14

Io ho frequentato Gaeta per moltissimi anni per motivi familiari, ha un clima fortemente influenzato dalla presenza dei Monti Aurunci che creano stau simil cimino in presenza di perturbazioni atlantiche e in caso di irruzioni di aria fredda da est sfilacciano le nubi e la neve/pioggia se la pappano gli Aurunci
Buon freddo


Torna a Climatologia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite