Oggi è giovedì 3 dicembre 2020, 23:47

Eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensate?

Curiosità e approfondimenti
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mercoledì 16 settembre 2015, 1:54
Sesso: M
Luogo: Montalto di Castro/ Fiumicino
Quota: 50 m s.l.m

Eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensate?

Messaggio da batta86 » venerdì 27 novembre 2015, 20:09

Navigando sui vari siti meteo più "mediatici" e leggendo i vari articoli da veggenti che propongono,mi sono imbattuto in qualche visionaria previsione di burian per l'inverno che stiamo per vivere collegata all'eccezionalità del el nino di quest'anno.

Prendendo in analisi solo la statistica possiamo notare che che un evento di buran di rilevanza maggiore ha una ricorrenza trentennale (...1985-2012), alternati da eventi minori con cadenza più o meno di 6 anni ( ....1991-1996-2001-2005).

El nino invece ha un ricorrenza di 4 anni circa.

Negli anni in cui si presenta questa anomalia oceanica possiamo notare un generale aumento delle temperature globali ma nello specifico per l'europa e ancora di più per le nostre latitudini vediamo come abbia, in passato, favorito forti scambi meridiani regalandoci lunghi periodi siccitosi e protetti da promontori anticiclonici alternati a brevi ma forti colate artiche da segnare sul calendario e da ricordare.

Concludendo, anche se naturalmente è un'opinione personale, non credo ci sia una forte correlazione tra un evento di el nino ed un evento di buran. Voi cosa ne pensate?

Felice di sbagliarmi

vi saluto e visto l'ora buon appetito,

Danilo

Avatar utente
 
Messaggi: 5219
Iscritto il: martedì 23 settembre 2014, 9:09
Sesso: M
Luogo: Roma (San Giovanni); Soriano nel Cimino, Loc. La Macchieta
Quota: 50/454 m s.l.m.

Re: eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensa

Messaggio da Olim » venerdì 27 novembre 2015, 20:31

Sicuramente è uno spunto molto interessante! Lessi anche io in passato di una possibile correlazione, tuttavia non ho mai visto dati che lo possano realmente verificare.
Al momento mi viene in mente il fortissimo Nino dell'autunno 1997 che diede luogo ad un inverno assai mite senza alcun episodio particolarmente freddo.
Francamente non saprei dire altro al momento sull'argomento, ma sarei contento di saperne molto di più!

Grazie per lo spunto Batta!! ;)
Lorenzo Dorato, alias Olim
Stagionofilo puro con preferenza viscerale per l'inverno, il freddo e la neve. Amante di ogni fenomeno, dalla pioggia copiosa al caldo intenso, dalla limpida tramontana alla nebbia novembrina, dai temporali al vento burrascoso.

Avatar utente
 
Messaggi: 5219
Iscritto il: martedì 23 settembre 2014, 9:09
Sesso: M
Luogo: Roma (San Giovanni); Soriano nel Cimino, Loc. La Macchieta
Quota: 50/454 m s.l.m.

Re: eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensa

Messaggio da Olim » venerdì 27 novembre 2015, 20:34

Aggiungerei un elemento generale di riflessione per quest'inverno che verrà. Forti anomalie negative in atlantico….
Per alcuni (Giuliacci ad esempio) queste anomalie dovrebbe portare ad un rallentamento del flusso mite occidentale classico con un conseguente inverno freddo su isola britanniche francia e in generale Europa occidentale…
Se tale anomali sia in grado di compensare gli effetti del Nino e che tipo di ripercussioni possa avere sulla possibilità di irruzioni continentali, francamente non saprei proprio!
Lorenzo Dorato, alias Olim
Stagionofilo puro con preferenza viscerale per l'inverno, il freddo e la neve. Amante di ogni fenomeno, dalla pioggia copiosa al caldo intenso, dalla limpida tramontana alla nebbia novembrina, dai temporali al vento burrascoso.

 
Messaggi: 6
Iscritto il: mercoledì 16 settembre 2015, 1:54
Sesso: M
Luogo: Montalto di Castro/ Fiumicino
Quota: 50 m s.l.m

Re: Eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensa

Messaggio da batta86 » sabato 28 novembre 2015, 18:39

Si il discorso dell' anomalia nord atlantica è complesso, nel lungo termine può portare ad un gdnerale raffreddamento europeo. Ma su scala minore? Nel breve periodo? Una lacuna barica in quella posizione per noi vuol dire richiami africani come in questo ultimo periodo appena passato? Sicuramente quest' anno ci sono diversi fattori di difficile collocazione. Didatticamente e speriamo non solo, potrebbe risultare un periodo interessante.

 
Messaggi: 6893
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340/80 m s.l.m.

Re: Eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensa

Messaggio da Ghiaccio96 » sabato 5 dicembre 2015, 19:54

Finalmente! Una discussione sul l'inverno,quest'anno non ha scritto niente nessuno...

Una cosa novembre ma anche ottobre in misura minore ce l'hanno detta: quest'anno è stato rivoluzionato lo scenario meteo in zona artica. Guardate le emisferiche,spesso vi renderete conto DI COME LE ANOMALIE DI PRESSIONE AL POLO SIANO OPPOSTE ALL'INVERNO 2013/2014. Più precisamente si può notare che il VPT tende sempre a DISLOCARSI sul lato RUSSO del mar glaciale artico. Ciò significa che con anticicloni in continua formazione sul Canada l'azzorre si ELEVA più facilmente in Atlantico,se vuole MOLTO FACILMENTE. Inoltre avere il gelo concentrato sulla metà euroasiatica del polo significa che le irruzioni artiche (ma anche artico-continentali in un secondo momento,se non burianiche) sarebbero massicce,vere e proprie invasioni scandinave o russe,con un lobo del vortice polare che verrebbe consegnato in regalo all'Europa.

Cosa c'entra il Nino in tutto ciò? Si gli scienziati ancora non lo sanno di preciso,però,continuando sulle mie osservazioni:
1) da notare come gli stati occidentali di Europa e Stati Uniti siano due zone gemellate climaticamente parlando,come lo sono Stati Uniti orientali e Europa orientale (tant'è che il clima mediterraneo lo si ritrova localmente anche sugli USA occidentali). Temperature insolitamente basse hanno già attanagliato gli stati occidentali dove è inverno. MOLTO MITE SU NEW YORK e stati orientali con continue rimonte subtropicali. Europa occidentale,fine novembre aggancio di quei massimi sui nostri compagni atlantici da parte dell'azzorre e colata artica. Oltretutto per gli anticicloni sul Canada e usa orientali dobbiamo proprio ringraziare la disposizione del VPT al polo...
2) inverno diametralmente opposto al 2013/2014: come fu? MITE su zone OCCIDENTALI DI EUROPA E USA,GELIDO SU USA ORIENTALI E A TRATTI SU EST EUROPEO (VI RICORDO LA MEMORABILE ONDATA DI GELO A DICEMBRE SULLA TURCHIA CON NEVE FINO A ILCAIRO PER RIMONTE SUBTROPICALI SULL'EUROPA OCCIDENTALE,ma anche a gennaio vari episodi gelidi ad est).
E quindi quest'anno? GRAN FREDDO SU ZONE OCCIDENTALI DEGLI STESSI CONTINENTI? Zone orientali invece MITE SU EST USA e EST EUROPEO? (Secondo un pattern che vede gelo artico entrare sul mediterraneo occidentale con africanate verso i Balcani. Treni burianici bassi dunque improbabili,quindi improbabili entrate secche...
Dove sta il ruolo del Nino in tutto ciò? Quest'estate sentendo tanto parlare del Nino che sarebbe arrivato mi sono documentato sul fenomeno. Ciò che si sa di più è che si riscontra un SOTTOMEDIA E IMPORTANTI PIOGGE SUGLI USA SUDOCCIDENTALI GUARDA CASO,mentre per l'inverno newyorkese e di quell'area in genere si dava un inverno con FREDDATE si,ma SOLO A SVENTAGLIATE,come fu nel precedente episodio di forte Nino. Questo perché evidentemente il vp era decentrato da altre parti sul mar glaciale artico,mentre nel 2013/2914 il vp era praticamente la sopra,con tanto banchisa in formazione a new york!
Inoltre mi guardai una cartina con le anomalie di pressione sugli USA col NINO. Si riscontrava anomalie di pressione maggiori SUL QUEBEC!!! Una zona cruciale per risvolti gelidi artici da noi,in quanto i massimi di pressione li vengono agganciati dall'azzorre che si eleva in oceano...

E perché novembre e dicembre così miti allora? Solo perché il VPS GIRA A PALLA! IL NAM è stato sfondato a fine novembre durante l'ultima discesa artico marittima.
Su 3bmeteo danno la colpa del superamento del NAM all'accoppiata ENSO ++ e QBO +. Ma nel momento in cui si esaurirà l'effetto del raffreddamento stratosferico (ci vogliono statisticamente 35-60 giorni,speriamo 35 :D :D ) ormai il lago gelido sarà pronto a scendere: BOOM!!!

Come dicono su 3bmeteo un inverno a due velocità,prima El Nino è la causa del NAM oltre i +1,5,ma poi ci aiuterebbe in termini di elevazioni meridiane e stratwarming (accoppiata ENSO++ e SAI index ad ottobre che non era male).
Avete presente una molla che viene caricata e lasciata all'improvviso?

WINTER IS COMING...

P.s Non ci ho mai creduto tanto come quest'anno,non perché mi sono semplicemente riempito il cervello di cavolate dai siti meteo su internet,ma per quello che ho riscontrato dai modelli,su osservazioni e sul fatto che 3bmeteo ha azzeccato perfettamente novembre e dicembre,e mai come quest'anno anche loro si erano tanto convinti che l'inverno vero potesse arrivare...
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

 
Messaggi: 6893
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340/80 m s.l.m.

Re: Eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensa

Messaggio da Ghiaccio96 » sabato 5 dicembre 2015, 20:03

Ah e aggiungo,da gfs si scorgono i primi segnali di stratwarming dal 20 dicembre (grazie a ENSO ++ con SAI index a buoni livelli come dice 3bmeteo?),e se l'attacco al VPS fosse in grado di indebolirlo abbastanza penso che i giorni di attesa diventerebbero 35 o giù di lì :D
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

 
Messaggi: 6893
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340/80 m s.l.m.

Re: eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensa

Messaggio da Ghiaccio96 » sabato 5 dicembre 2015, 20:07

Olim ha scritto:Aggiungerei un elemento generale di riflessione per quest'inverno che verrà. Forti anomalie negative in atlantico….
Per alcuni (Giuliacci ad esempio) queste anomalie dovrebbe portare ad un rallentamento del flusso mite occidentale classico con un conseguente inverno freddo su isola britanniche francia e in generale Europa occidentale…
Se tale anomali sia in grado di compensare gli effetti del Nino e che tipo di ripercussioni possa avere sulla possibilità di irruzioni continentali, francamente non saprei proprio!

In realtà poi non è neanche necessario "compensare" l'el nino,dipende da come le anomalie sono distribuite sulle acque superficiali del Pacifico,l'el nino "modoki" mi pare chiami,non è affatto male per le nostre lande in inverno. Poi certo,quest'anno tutto il Pacifico tropicale è bollente,ma ci sono comunque differenze col 97/98... Sono ottimista,se mi deludesse cadrei in una profonda depressione,come quelle di questi giorni sul Nord Europa :lol: :o :cry:
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

 
Messaggi: 6893
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340/80 m s.l.m.

Re: Eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensa

Messaggio da Ghiaccio96 » domenica 6 dicembre 2015, 12:58

C'è uno sul forum di 3bmeteoche ha una visione dell'inverno in arrivo alquanto gelida. Diciamo che ha fatto due ipotesi,la prima che l'inverno arriverà,nella norma termica,finito il precondizionamento a gennaio inoltrato,la seconda vede invece un potente stratwarming con possibili anche due discese davvero gelide stile febbraio 2012 sin da gennaio. Nell'ultimo messaggio dice che la seconda ipotesi prende piede tramite analisi dei flussi di calore e con dirimente anche allo stratwarming che effettivamente GFS comincia a vedere per fine mese,seppur di quale entità ancora non possiamo saperlo..
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

Avatar utente
 
Messaggi: 9994
Iscritto il: sabato 27 settembre 2014, 0:15
Sesso: M
Luogo: Viterbo q.re Buon Pastore
Quota: 335 m s.l.m.

Re: Eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensa

Messaggio da Burian » domenica 6 dicembre 2015, 14:48

Ciao Batta86, ci hai dato un ottimo spunto di riflessione climatologica.
A quanto leggo te ghiaccio quindi credi a questo tipo di correlazione tra burian e el Nino, giusto? Attenzione a non andare fuori tema ;)
Ora ho poco tempo però risponderò anch'io alla domanda di Batta...
❄ ❄ ❄ Cemer, la meteorologia ha un "cuore antico" ❄ ❄ ❄

 
Messaggi: 6893
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340/80 m s.l.m.

Re: Eventuale collegamento burian con el nino. Cosa ne pensa

Messaggio da Ghiaccio96 » domenica 6 dicembre 2015, 19:00

Effettivamente si,per i motivi che ho detto sopra. Gli effetti di un forte Nino negli USA sono noti. Se col Nino si registrano solitamente pressioni più alte sul Quebec anche colate artiche da noi sono più facili. Oltretutto se la pressione sul Quebec e sul Canada in generale è più alta della norma significa che il vp è decentrato principalmente sul lato russo o europeo,leggo su 3bmeteo difatti che questa situazione è chiamata dipolo artico negativo. Allora come gli USA hanno avuto un 2013/2014 gelido stavolta potrebbe essere la volta nostra. (E poi se non sbaglio dicembre non fu un po deludente da loro e poi gennaio e febbraio gelidi? Anche in questo caso analogie che mostrano un possibile inverno diametralmente opposto a quello,non perché abbiamo un dicembre gelido,ma perché siamo noi ad avere un dicembre mite con disposizione del vp più favorevole a noi.)
Quindi si,credo che l'el Nino possa favorire incursioni artiche in Europa. Questa mia teoria però non la riscontro da nessuna parte,nessuno è niente me lo può confermare perché evidentemente non è così o non sempre,difatti nel 97/98 io non c'ero ma leggo di un inverno mite. Quindi come dicono su 3bmeteo dipende dalla forma del Nino. Quest'anno è tale da garantirci un dipolo artico negativo. Sono fiducioso...
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

Prossimo

Torna a Climatologia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite