Oggi è venerdì 16 aprile 2021, 10:56

Meteostoria: eventi meteo estremi del periodo 1867-1899

Osservazioni meteo e analisi modelli
Avatar utente
 
Messaggi: 10561
Iscritto il: sabato 27 settembre 2014, 1:15
Sesso: M
Luogo: Viterbo q.re Buon Pastore
Quota: 335 m s.l.m.

Meteostoria: eventi meteo estremi del periodo 1867-1899

Messaggio da Burian » giovedì 10 settembre 2020, 13:54

Siamo al 3° articolo della nostra rubrica meteo "meteostoria" scritta dal nostro collaboratore Ghiaccio96. Si tratta delle reanalisi delle più cospicue ondate di freddo e caldo dal 1836 ad oggi. Buona lettura!

3) Meteostoria: eventi meteo estremi del periodo 1867-1899

Reanalisi degli eventi meteo più rilevanti dal 1836 in poi

Di Claudio Giulianelli

Villa San Giovanni in Tuscia (VT), 10 Settembre 2020 – In questo terzo articolo della rubrica Meteostoria andremo a trattare il periodo 1867-1899 soffermandoci sugli eventi meteo più rilevanti dal punto di vista termico come nel trentennio precedentemente affrontato.

Proseguiamo dunque questo sunto climatico con specifico focus per le nostre zone. In questo periodo si notano i seguenti tratti generali:

1) Maggiore frequenza di inverni miti e anticiclonici, seppur ancora in minoranza

2) Maggiore persistenza e frequenza dei periodi miti e anticiclonici in ogni inverno

3)Tendenza graduale delle estati a ritornare su valori più freschi dopo i picchi di caldo fuori scala della fine del trentennio precedentemente analizzato, con alternanza di estati senza ondate di calore e discretamente instabili e estati simili a quelle della nostra attuale climatologia con qualche temporale e la solita ondata di caldo moderata/forte del periodo del solleone.

4)Nuova recrudescenza del freddo invernale verso la fine dell’800, con ritorno di lunghi periodi di freddo e nuove intensissime ondate di gelo. Ancora frequenti le nevicate di bassa quota, presenti quasi ogni inverno e a tratti possibile fino a Roma per tutto il trentennio qui presentato e con recrudescenza verso fine 800

5)Primi freddi ancora piuttosto frequenti non solo a novembre ma anche ad ottobre e soprattutto verso la fine dell’800

6)Continuano le primavere dinamiche come nel trentennio precedente, con marzo e prima metà di aprile dai sapori ancora invernali e maltempo. Il mese di maggio continua a mostrarsi spesso anticiclonico ed estivo, ma con qualche ondata di freddo e variabilità in più a fine 800

7)Quasi immancabile, tradizionale, una botta fredda continentale a dicembre, in genere moderata, in misura minore episodi deboli e in poche occasioni anche intensissima e da record (fine 800 soprattutto)

Ma andiamo ora a vedere gli episodi significativi:
Continua a leggere >>> https://www.cemer.it/3-meteostoria-even ... 1867-1899/
❄ ❄ ❄ Cemer, la meteorologia ha un "cuore antico" ❄ ❄ ❄

Torna a Meteorologia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite