Oggi è sabato 29 febbraio 2020, 13:29

Esiste veramente lo stau cimino?

Osservazioni meteo e analisi modelli
 
Messaggi: 6148
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340 m s.l.m.

Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da Ghiaccio96 » domenica 19 gennaio 2020, 16:38

Solitamente per giustificare la piovosità dell'area cimina usiamo lo stau indotto dai monti cimini come capro espiatorio. Dobbiamo però fare delle importanti precisazioni:

Cos'è lo stau? la condensazione del vapore di una massa d'aria forzata a salire sul pendio delle montagne.
E qui vi lascio il dubbio: ma perchè le masse d'aria dovrebbero essere forzate a salire sul pendio della montagna?
Se la risposta facile vi sembra che il suolo si alza di quota, allora non è la risposta giusta. Infatti la montagna rappresenta un ostacolo posto in mezzo al flusso, e come ogni sistema fisico l'aria percorre la via più "semplice", quella meno faticosa:

Perchè l'aria dovrebbe salire su per il pendio della montagna, quando può girargli attorno?
Un esempio lo trovate osservando un ruscello: se la sporgenza di un sasso è pronunciata nel letto del torrente, l'acqua gli gira intorno! Come in figura
Immagine

Quando esiste lo stau allora? quando la massa d'aria l'unica cosa che può fare è salire sulla montagna, ossia quando non può girarci attorno!
Immagine
Per esempio quando venti di scirocco e grecale fanno ingresso nella val padana, la massa d'aria ci si aspetta che tenda a fare il percorso indicato dalle frecce, quindi non esiste stau sulle alpi lombarde ad esempio, mentre in Piemonte arrivata sul Cuneese la massa d'aria non può scappare ed è costretta a salire (in rosso ho barrato le frecce delle vie di fuga laterali che la massa d'aria vorrebbe fare).
Guardiamo un attimo un caso molto interessante: la Corsica
Immagine
In rosso ho messo le linee di corrente che vengono deviate. Come potete vedere su larga scala la Corsica con venti occidentali non ha motivo di fare stau, le masse d'aria hanno delle vie di fuga laterali. La cosa interessante della Corsica è la sua costa estremamente frastagliata ad ovest. A livello locale i tanti promontori non fanno stau, deviano il vento nelle baie dove poi è costretto a risalire.
La Corsica dunque fa stau a livello locale ma non sul flusso medio occidentale. Quando il flusso intercetta l'isola, la complessa orografia crea una zona di attrito confinata entro l'arco che ho disegnato in rosso. è là che avviene la deviazione del flusso medio.

Pensate un attimo a come sono fatti i Cimini e vediamo se ci sono zone che potrebbero fare stau con alcuni venti, sulla base di queste osservazioni
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

Avatar utente
 
Messaggi: 887
Iscritto il: sabato 25 novembre 2017, 22:41
Sesso: M
Luogo: Capranica Scalo (VT) - Firenze Castello (FI)
Quota: 400 m - 50 m

Re: Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da Nevofilo99 » domenica 19 gennaio 2020, 17:12

Sulla base di queste tue interessati precisazioni, mi verrebbe da dire che più che girarci attorno, le masse d'aria potrebbero essere convogliate nella "strettoia" tra Poggio Nibbio ed il cimino, asse NE-SW.

 
Messaggi: 6148
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340 m s.l.m.

Re: Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da Ghiaccio96 » domenica 19 gennaio 2020, 17:20

Nevofilo99 ha scritto:Sulla base di queste tue interessati precisazioni, mi verrebbe da dire che più che girarci attorno, le masse d'aria potrebbero essere convogliate nella "strettoia" tra Poggio Nibbio ed il cimino, asse NE-SW.

Bravo, è quello che penso anch'io, ovviamente con venti da ovest e nord-ovest. Analogamente la zona di Canepina con i venti dei quadranti orientali. Almeno questo è quello che mi viene da pensare al primo impatto...

se riuscite a trovare una carta dettagliate dell'altimetria cimina postatela
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

 
Messaggi: 6148
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340 m s.l.m.

Re: Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da Ghiaccio96 » domenica 19 gennaio 2020, 17:37

@nicholas non riesco a trovare le mappe dell'altimetria sul sito del ministero dell'ambiente, se ricordi li avevamo trovato la carta fitoclimatica d'italia, mi sembra che li ci stava anche l'altimetria, confermi?
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

 
Messaggi: 102
Iscritto il: venerdì 6 gennaio 2017, 2:08
Sesso: M
Luogo: Viterbo,
Quota: m s.l.m 300

Re: Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da giacob » domenica 19 gennaio 2020, 21:15

Basta percorre in auto i due versanti quello da Nepi e poi quello verso Viterbo quando c'è una perturbazione con ritorno sciroccale per accorgersi che c'è: piovoso e nebbioso sul lato di Nepi, fenomeni assai più deboli sull'altro

 
Messaggi: 6148
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340 m s.l.m.

Re: Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da Ghiaccio96 » domenica 19 gennaio 2020, 21:27

Magari l'umidità dell'area sud-orientale è frutto di altre dinamiche a noi sconosciute. Per esempio vi faccio anche notare che sotto irruzioni fredde da nord-est, non c'è un vento di caduta su cura di vetralla. Sul lato ovest del fogliano non c'è proprio vento.
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

Avatar utente
 
Messaggi: 4278
Iscritto il: martedì 23 settembre 2014, 9:09
Sesso: M
Luogo: Roma (San Giovanni); Soriano nel Cimino, Loc. La Macchieta
Quota: 50/454 m s.l.m.

Re: Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da Olim » domenica 19 gennaio 2020, 23:13

Claudio, molto interessante la tua spiegazione del fenomeno Stau. Io non sono fisico quindi potrei tranquillamente dire banalità, ma ho la netta impressione che lo stau sia direttamente proporzionale sia all'altezza che alla lunghezza di un complesso montano. E' chiaro che se una montagna è alta e stretta l'aria "scapperà" dai lati. Ma se un complesso montano ha una lunghezza sufficientemente significativa, anche senza che vi siano insenature particolari, vi sarà comunque una certa inerzia dell'aria dei bassi strati che si addosserà sul versante esposto. Tale tendenza si accentua in caso di insenature e irregolarità del confine montagnoso e ovviamente aumenta all'aumentare dell'altezza dei monti e della loro ampiezza.
Per ciò che riguarda i Cimini posso assicurarti che lo stau esiste eccome ed anche molto accentuato. Con le correnti da sud-est ad esempio la mia zona prende molte precipitazioni. Passi il colle che separa casa mia da Soriano e già a Soriano spesso il cielo è più alto e piove meno, poi prosegui verso La Fornacchia e infine il Pallone e trovi cieli alti e nessuna precipitazione. E' successo spessissimo con correnti da ostro o ostro-scirocco.
Viceversa con venti da nord lo stau che colpisce Viterbo, Bagnaia, Pallone e in parte Soriano e zona mia (più con nord-est ed e-ne) è evidentissimo: maggiori precipitazioni e cielo molto più basso.
L'ho riscontrato decine e decine di volte.
Lorenzo Dorato, alias Olim
Stagionofilo puro con preferenza viscerale per l'inverno, il freddo e la neve. Amante di ogni fenomeno, dalla pioggia copiosa al caldo intenso, dalla limpida tramontana alla nebbia novembrina, dai temporali al vento burrascoso.

Avatar utente
 
Messaggi: 4278
Iscritto il: martedì 23 settembre 2014, 9:09
Sesso: M
Luogo: Roma (San Giovanni); Soriano nel Cimino, Loc. La Macchieta
Quota: 50/454 m s.l.m.

Re: Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da Olim » domenica 19 gennaio 2020, 23:16

Per rimanere alla metafora della pietra in un torrente: è evidente che l'acqua svicola a destra e a sinistra del pietrone, tuttavia nel punto della pietra subisce un temporaneo rallentamento prima di sfuggire via e in qualche modo si addossa alla pietra. Ciò è tanto più vero quanto più la pietra è ampia, larga e alta. Pensa una pietra enorme in un ruscello, una vera e propria roccia: l'acqua ovviamente scorrerebbe ai lati, però una massa d'acqua considerevole rimarrebbe addossato per diversi secondi a ridosso della pietra rallentando e creando una sorta di stagno. Ecco quello stagno è l'effetto stau dei Cimini e di tutte le montagne al mondo. Uno stau non mostruoso come quello delle zone dove non ci sono vie di fuga, ma comunque apprezzabile.
Lorenzo Dorato, alias Olim
Stagionofilo puro con preferenza viscerale per l'inverno, il freddo e la neve. Amante di ogni fenomeno, dalla pioggia copiosa al caldo intenso, dalla limpida tramontana alla nebbia novembrina, dai temporali al vento burrascoso.

 
Messaggi: 6148
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340 m s.l.m.

Re: Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da Ghiaccio96 » domenica 19 gennaio 2020, 23:47

L'acqua sale sulla pietra in parte, questo è tanto più vero quanto minore è la pendenza della pietra. Pesando ai Cimini, direi che lo stau può esistere in una zona compresa tra Canepina e Soriano con venti da nord-est, est, sud-est su quel versante e venti da ovest, nord-ovest e nord tra san martino e versante nord del cimino. Io dubito invece che la piovosità di caprarola e ronciglione sia attribuibile allo stau. Con una carta altimetrica dettagliata potremmo ragiornarcimeglio sopra, ma per ora non l'ho trovata...
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

 
Messaggi: 6148
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2014, 14:05
Sesso: M
Luogo: Villa San Giovanni in Tuscia/ Roma giardinetti
Quota: 340 m s.l.m.

Re: Esiste veramente lo stau cimino?

Messaggio da Ghiaccio96 » domenica 19 gennaio 2020, 23:59

ovviamente nel caso in cui il flusso trova una superficie non curva ma perpendicolare a se, l'aria tende sostanzialmente a salire e dunque anche in questo caso si ha stau tranne che ai bordi. Uno allora potrebbe domandarsi in che approssimazione questo è vero... Ad esempio lo scirocco che arriva tra i comuni di ronciglione e caprarola, sebbene a larga scala sembra trovare vie di fuga laterali, a piccola scala la parete montana è perpendicolare al flusso e abbastanza lunga da favorire lo stau. Un po' come il fatto che vediamo la terra piatta, le nostre dimensioni sono trascurabili rispetto a quelle terrestri e dunque la superficie della sfera terrestre su cui viviamo in prima approssimazione si riduce ad un piano attorno a noi. Solo che questo è un po' un paradosso, se guardo le cose con i nostri ordini di grandezza esiste lo stau e se lo guardo da satellite non esiste... Bisogna ragionarci un po' su
22 febbraio 2005+echoes (pink floyd)

Prossimo

Torna a Meteorologia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti